23/12/2016 News

LE LAMPADE PER LA LETTURA

Lampade da tavolo o da scrivania, ma anche da terra o da parete con braccio orientabile.
Scegliere una buona lampada da lettura è di primaria importanza per non stancare la vista.
La luce deve puntare direttamente sul libro o l’oggetto da illuminare, permettendo quindi una visione nitida. Dato che spesso queste lampade vengono posizionate in prossimità del viso, è assolutamente necessario
che siano schermate e che la lampadina non sia direttamente visibile per evitare l’abbagliamento. Devono essere quindi dotate di uno schermo più o meno opaco. Di solito è preferibile una luce simile
a quella solare, che possibilmente utilizzi a tecnologia led. Per svolgere bene la sua funzione la lampada da lettura deve essere dimmerabile e illuminare in maniera efficace una zona circoscritta: non dovrà essere eccessivamente forte e anche il riverbero non dovrà essere eccessivo. Meglio quindi un diffusore orientabile.  Se la lampada serve su tavoli o scrivanie, ci si dovrà orientare su lampade da tavolo, se invece è pensata per poltrona o divano si prenderanno in esame soprattutto le lampade da terra realizzate specificatamente per la lettura. Segnaliamo quelle dotate di braccio mobile, che possono spostarsi agevolmente per arrivare a illuminare con luce diretta tutta la superficie piana. Tra queste Tolomeo e
Tizio di Artemide, Kelvin led della Flos, Tivedo di Luceplan, String di rotaliana e roxxane della Nimbus.
Utile che il diffusore sia orientabile, soprattutto se le si utilizza per lo schermo del computer: con questo piccolo accorgimento, in fase di acquisto si possono evitare tanti abbagliamenti e riflessi indesiderati sul monitor. Generalmente le
lampade da tavolo vengono appoggiate sul piano, ma sono disponibili anche nella versione a morsetto: tra i migliori esempi sul mercato in questa versione la lampada Tolomeo, Kelvin e String. Quest’ultima tipologia di lampade è più informale ed è spesso utilizzata per gli ambienti lavorativi. L’unica attenzione che si richiede è proprio legata al morsetto che può risultare aggressivo sulle superfici delicate, ottimo invece per essere ancorato a piani in vetro. Gli stili di queste
lampade variano molto: si parte dal classico stile industriale in metallo come per la Fortebraccio di Luceplan e la stessa Tolomeo, per finire ad apparecchi di design
come la Goldman di Flos e la lampada Berenice di Luceplan.
Se serve un punto luce accanto al divano per i momenti di relax dedicati alla lettura, conviene optare per lampade da terra con braccio mobile, che arrivano nei punti di maggiore necessità. Si possono acquistare modelli dotati di un unico braccio direzionabile come la Kelvin lettura, Captain Flint, IC F1 di Flos, Magneto lettura di Foscarini e Cone lettura di Linea Light. Esistono anche lampade da parete con braccio orientabile, un mix tra applique e lampade da tavolo, come
la collezione Berenice parete, Counterbalance di Luceplan e Modello 265 di Flos.

roberto cirillo
di Roberto Cirillo AD Zani ranzenigo

Fgoto_cirillo